I want to be a part of it, New York, New York

In attesa di un prossimo capitolo di avventure americane, stavolta un inframezzo più visivo, senza perdere quello spirito per quanto possibile di attenzione al particolare ad alle sfumature più contrastanti, come la foto alle ultime luci del tramonto tinto di un rosso tenue verso il rosa e quella nel turchese ed indaco risplendente della città a mezzogiorno. Dietro alla agognata libertà, andando ieri a NY per la prima volta nella mia vita, ho pensato a tutti coloro che riponevano nel nuovo mondo tutte le speranze di un futuro migliore fatto di opportunità, ma anche di enormi rinunce, restando come annullati davanti alla infinita imponenza dei grattacieli che quasi mette soggezione. Proprio gli stessi che hanno mantenuto nell’Empire State Building la loro punta di certezza durante la voragine fisica e umana creata dall’evento che ha cambiato la storia contemporanea, quello che nessuno potrà dimenticare, e verso cui è meglio sostituire alle parole l’immagine di una rosa bianca, ponte e metafora della vita, che fiorisce come il nuovo maestoso grattacielo sempre più proteso ai limiti umani, ricordandoci del vuoto incommensurabile quando sfiorisce, emblema della caducità della vita. Un pensiero sentito e raccolto a tutti i caduti di quel giorno, ai soccorritori ma anche a tutti coloro in molti altri paesi di cui non abbiamo mai ricordo.

12032956_1652326658378047_6095866421143500154_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...